Un viaggetto inaspettato

Sono appena tornata da un breve weekend, uno di quelli improvvisati che fai un po’ per lavoro, un po’ per schiarirti le idee, un po’ perché a volte senti l’esigenza di andare … tanto per andare!

Sono appena tornata da un breve weekend, uno di quelli improvvisati che fai un po’ per lavoro, un po’ per schiarirti le idee, un po’ perché a volte senti l’esigenza di andare… tanto per andare! Inizialmente avrei voluto raccontarvi ogni dettaglio, avrei voluto farvi vedere tante cose e scrivere di tante cose, ma la verità è che questo “viaggetto inaspettato” io me lo sono voluto godere.

Sono partita senza sapere esattamente dove andare. Niente luoghi da scoprire, niente libri a riguardo, niente programmi. Perché io, che a volte ( anzi diciamo spesso) mi divido in questa dualità, ho un lato avventuroso ed un altro che prevede tutto ciò che è possibile prevedere. Amo organizzare, non perdermi nulla, amo sapere e conoscere la storia, i posti, la cucina di un luogo prima di ogni partenza. Questa volta no, questa volta ho detto “lasciamo fare alla vita…

In verità la particolarità di quest’esperienza è stata data dal fatto che son partita con persone che non conoscevo, o meglio che non avevo mai visto prima se non tramite uno schermo, con cui avevo collaborato in pieno lockdown ma che a me è sembrato conoscere da sempre. In verità, io (credevo) di non essere così temeraria, ho una predisposizione genetica alla responsabilità, per cui se alla “Vanessa” di qualche anno fa avessero detto cosa stava andando a fare, sicuramente quella (di Vanessa) avrebbe risposto “Si, certo magari un’altra volta eh…“. La Vanessa, quella di adesso, non ha esitato un attimo. Questa cosa mi ha stupito ed entusiasmato allo stesso tempo.

Stupito perché credevo non fosse da me, in verità credo che sia molto me. Credo di avere la stessa percentuale di predisposizione genetica per essere affascinata dall’avventura e dall’inaspettato.

Tornando a noi, io vorrei scrivere tutto ciò che ho visto a Palermo: la Cattedrale, le viuzze, le borgate, le chiese… un mix di culture ed architetture che trovi solo in Sicilia, perché ogni popolo che ha lasciato qualcosa, ha anche preso qualcosa, determinando qualcosa di nuovo mai visto prima. Solo una terra che ha visto invasioni da popoli differenti può offrire uno scenario così…

Sono partita con Agnese, attrice dai capelli rossi, un po’ blogger, ma tanto romana. E arrivata a Catania ed abbiamo iniziato il nostro tour proprio qui a casa mia, nella Catania barocca, che amo e (a volte) odio allo stesso tempo.

Abbiamo camminato e mangiato (tanto entrambe le cose), abbiamo fatto tantissime scale per poi accorgerci che bisogna sempre salire (giuro, appuntatevelo, se trovate delle scale… salite sempre, sarà faticoso, ma la vista è fantastica). Abbiamo fatto mille foto non instangrammabili, ma sono quelle più vere, quelle in cui dici “Cavolo, quel momento lo ricordo“.

Volevo che lei conoscesse la città ma volevo anche che conoscesse me, le mie abitudini, i posti che amo. Ci tenevo a questo, perché potrei parlarti di me, e delle mie passioni all’infinito, ma ci sono luoghi che portiamo dentro e che a volte è giusto mostrare a qualcuno! Siamo state piccole avventuriere alle Gole dell’Alcantara, ed abbiamo mangiato il famoso Cannolo siciliano, vista mare.

Devi fare la viaggiatrice non la turista, ciò significa che se una piazzetta ti piace, ma nessuna guida la cita, futtitin*i ( per i non siculi: fregatene) siediti e goditi la tua piazzetta, perché potrai vedere mille monumenti ed imparare a memoria i nomi delle ultime dinastie, ma non potrai mai dimenticare le sensazioni di un luogo. Quelle rimarranno tue.

Ed è così che di Palermo, dove siamo state successivamente, vi racconto di come mi sono trovata seduta in una piccola piazzetta di Bagheria, con un calice di vino in mano e “perfetti sconosciuti” accanto, che a me però è sembrato di conoscere da sempre. Chi l’avrebbe mai detto…!

Eppure ero lì, credo che fosse esattamente il luogo in cui mi dovessi trovare. Credo che esistono persone, luoghi, ed esperienze che ci aspettano da sempre.
Questo, che a volte spaventa e sconvolge, altre volte entusiasma terribilmente!

Abbiamo mangiato pane, panelle e crocchè seduti all’università di Palermo.
Perché qui, abbiamo incontrato l’altro, il palermitano con cui ancora dobbiamo trovare un compromesso su quella palla di riso che noi (catanesi) chiamiamo arancino e per loro è femmina (si femmina…assurdo lo so!). Su una cosa però siamo d’accordo, chiamatela come volete ma è buona, tanto a Catania quanto a Palermo!!

Palermo ha tanto da offrire, sia artisticamente che storicamente, ma io mi sono innamorata delle borgate poco fuori la città: Sant’Elia, Porticello, Aspra e lei, quella che più di tutte ha fatto centro, Punta Santa Nicolicchia.

Abbiamo visto spiagge stupende, di notte e di giorno. Visto tramonti bellissimi, ma ci siamo anche goduti il silenzio dopo la sveglia delle 5 del mattino solo per vedere l’alba. Colazione, caffè solo per tornare a letto, soddisfatte e contente di aver vissuto quel momento!

Ecco, vedete quando si incontra qualcuno non sappiamo mai che posto occuperà nella nostra vita, se il tempo di un saluto oppure una mano da stringere sempre.

Nessuno può saperlo, né tu nell’altro. Quello che però è possibile sapere è se quel momento avresti voluto viverlo insieme. Io con lei, che adesso è mia amica, abbiamo parlato tanto, raccontandoci passati, inventandoci prossime avventure e fatto progetti. Nessuno sa cosa si realizzerà eppure entrambe sappiamo che era così che doveva andare. Come mi disse un giorno qualcuno Conoscersi non è mai per caso…” non so se sia vero, ma so che non poteva essere altrimenti!

La fine del viaggio è stato un caro arrivederci, il rientro è stato per me un po’ brutto, uno di quelli che non vorresti mai vivere. Vedere lottare le persone che ami tra la vita e la morte, è una delle sensazioni che non augureresti mai a nessuno. Perché vi racconto questo? perché non avrei voluto scrivere, perché il dolore non se ne va via scrivendo… ma è questo che fa di me quella che sono!

Avrei voluto entusiasmarvi con la mia voglia di andare in giro per il mondo, ma è difficile quando il mondo ti crolla, così non posso che dirvi di vivere la vita come viene: prendete un attimo per voi, lasciate andare ciò che non vi fa bene, lasciatevi guidare dal momento, salite le scale quando ce ne di bisogno, senza dimenticare che tutto costa fatica è vero, ma anche solo per un attimo, quella vista … andava vissuta!

Viaggia, qui ed ora

A volte non è il momento più adatto per viaggiare, a volte non si può per via degli impegni lavorativi, a volte semplicemente non si può. Allora che si fa quando non si può viaggiare? semplice… si viaggia,
qui ed ora.

Ho sempre pensato al viaggio non solo come “l’atto di andare da qualche parte rispetto al posto in cui si è ” ma sopratutto un modo di vivere “Andare oltre rispetto a qualcosa“. Questo non solo perché sono una gemelli, un segno d’aria pronto ad ogni volo pindarico basta che si parta ma sopratutto perché non sempre si può preparare una valigia.

A volte non è il momento più adatto per viaggiare, a volte non si può per via degli impegni lavorativi, a volte semplicemente non si può.

Allora che si fa quando non si può viaggiare? semplice… si viaggia,
qui ed ora.

No, non non sono “fuori dal mondo” so bene le ultime disposizioni governative. Ma il presente è mio. Esiste una locuzione latina “Hic et nucn” (qui ed ora) per indicare un adempimento cui risoluzione non ammette proroghe, è necessario agire adesso.

Il presente non torna, e l’orologio è lì ad fare “tic tac” per ricordarci come questa non sia solo una frase. Allora, bando alle ciance “viaggiamo insieme” perché oggi si può:

10 cose da fare se sei (come me) un wanderlust

Visualizza articolo

  • Trova una meta, magari è quella tanto desiderata da un po’ o magari è una di cui ne hai appena sentito parlare: fai delle ricerche, informati, prendi appunti e programma il prossimo viaggio.

  • Si può viaggiare anche stando comodamente seduti sul divano, i libri sono quei passaporti universali che ci permettono di andare oltre… a volte anche oltre la nostra immaginazione.

  • Ti ricordi tutte quelle foto messe in un cassetto, che aspettano di essere catalogate?! bene adesso niente scuse, prendi un bel quaderno e crea un album. Scrivi la meta e gioca con la fantasia.

  • Questo è un ottimo modo anche per “decorare casa“, l’ambiente in cui vivi dice molto di te, ti rappresenta , e a me piace sempre avere in giro per casa souvenir e emisferi sulle pareti.

  • Impara una lingua, esistono tanti siti e libri per “fare un po’di pratica“, sarebbe bello se quando facessi quel viaggio oltre il tuo paese, poter dialogare personalmente con persone locali, non trovi?

  • Colora, no non sto scherzando, colorare ha a che fare con i viaggi molto di più di quello che si pensi, stimola la fantasia e “aiuta” il nostro cervello a liberare la tensione e stimolare la creatività.

  • Stare a casa non significa annoiarsi, prova nuove cose, sì curioso: prepara un piatto diverso, prepara il tè, appassionati ad un’altra cultura: sapevi ad esempio che i giapponesi non gradiscono che si pronunci in loro presenza il numero “quattro”? perché molto simile (nella loro lingua) alla parola “morte“, bene neanch’io, l’ho scoperto casualmente!

  • Senti nostalgia delle terme provate nel tuo ultimo viaggio vero? non problem! Oggi, si va alle terme low cost. Prepara un bagno caldo, magari utilizzando degli oli essenziali, rilassati e prenditi cura di te, perché se non stai bene con te stesso non puoi stare bene nel mondo, ovunque tu sia!

  • Ascolta la musica, semplice ma non banale. Ascoltare la musica fa diminuire i livelli di cortisolo nel nostro organismo, ciò significa meno stress più aperti a nuove esperienze.

  • Fai spazio in valigia, quella che ti porti dietro e comprende persone, situazioni, esperienze che non ti fanno stare bene. Svuota tutto, in questo viaggio sei tu a decidere cosa mettere dentro. Non hai limiti di peso, ma un bagaglio leggero è sempre più pratico, ma sopratutto utile a nuove cose.


Un vero viaggio non è cercare nuove terre ma avere nuovi occhi
Marcel Proust

Cliente, buon vecchio influencer

Era il 2005, e come tutti i ragazzi nati più o meno negli anni ’90 era per me l’anno del primo superiore.

Era il 2005, e come tutti i ragazzi nati più o meno negli anni ’90, era per me l’anno del primo superiore. Frequentai la scuola alberghiera, scelta voluta perché desideravo lavorare nel campo del turismo. Era il 2005, e parlando con una mia amica ci rendemmo conto che, nonostante la teoria/pratica (è una scuola professionale) mancava qualcosa…! Mancava vedere sul serio come funzionasse un albergo. Così armati di carta e penna decidemmo di stilare una lista degli alberghi più o meno “conosciuti” e ci presentammo (di Sabato, quando non c’era scuola). “Salve, mi scusi possiamo vedere il vostro hotel? e le cucine? Quanto costa una camera? Per il meeting c’è una figura?“. Molti furono entusiasti, altri no, rispondendo con un retorico: “Andate a divertirvi” ( ed in fondo avevano ragione).

l

I criteri della nostra lista erano molto standard: estetica/comfort/personale/pulizia/cose che piacciono/cosa cambieresti.
All’epoca non c’era Tripadvisor, Booking e simili, ciò significa niente recensioni, niente social e soprattutto niente foto istantanee.
Tutto rimaneva lì con noi su quei fogli, ignari che un giorno qualcuno ne facesse davvero un lavoro. Era divertente perché non solo per un giorno ci faceva sentire “parte di qualcosa”, ma perché riuscivamo a cogliere ciò che spesso si dava per scontato: una sala troppo cupa, un cameriere poco cordiale o semplicemente un lavoro frenetico e ripetitivo che faceva disperdere tutta la bellezza di una location.

Perché vi racconto questo? Perché oggi nel 2020 mi è capitato di presentarmi in alcuni di questi posti e di notare come alcuni negli anni abbiano chiuso, altri cambiato (fortunatamente) immagine e altri rimasti sempre gli stessi. Mi è capitato di sentirmi dire: “Signorina, ha troppe competenze per questo ruolo” o “non ne ha abbastanza” ; ” noi puntiamo su altro” o “abbiamo sempre fatto così“. E io rispondevo ironicamente: “Sì, lo so… La ringrazio comunque”. La verità è che è giusto puntare su altro: novità, APP, travelblogger, e via di seguito, ma è ancora più giusto ascoltare il Cliente!
Perché se è vero che ci sono tante cose che non vanno, è anche vero che ce ne sono tante altre che possono essere evidenziate e farne una forza. Questo è ciò che fa la differenza fra un’azienda che lavora per sé e una che lavora per l’azienda futura: quella fatta da chi ci lavora, chi acquista e soprattutto chi se ne ricorderà in futuro.

photo of pen on top of notebook
Photo by fauxels on Pexels.com