Vi racconto perché proprio Biggeye

Quando pensi di aprire un blog si sa, si hanno mille interrogativi:
Di cosa parlerò? che stile avrò? chi mi leggerà? ma sopratutto la cosa più importante, come mi chiamerò? eh già, perché anche se un blog è un progetto non sei tu… in qualche modo ti identifica. Sei tu nel bene e nel male. Io devo dire avevo in mente tutto, tranne appunto quest’ultimo punto.

Poi succede qualcosa ed eccomi qui: Vi racconto perché proprio Biggeye.

Indubbiamente ha a che fare con il mio cognome, è un gioco di parole: occhione…occhio grande…occhio.. Biggeye! Ma non è per questo. Succede che casualmente “incontro” un ragazzo, diciamo che più che incontro succede che iniziamo a sentirci tramite social, fin qui niente di strano direte (concordo) ma non sopporto le persone che in qualche modo “stuzzicano“, di quelle che ti dicono le cose come stanno… dico che non le sopporto ma in realtà credo che per riflesso mi identifico parecchio per cui finisco per esserne attratta inevitabilmente..!!

Di fatto questo ragazzo inizia a chiamarmi Biggy. Chi mi conosce sa, che odio essere chiamata con paroline tipo gioia, tesoro, piccola, ecc…!! Ma Biggy non so perché mi piaceva. Credo, anzi credo di esserne sicura, che mi diede questo nomignolo per via del cognome (non so, non ho mai chiesto a dire il vero… ma è la cosa più logica).

Inoltre questo nomignolo mi ha ricordato di quando ero più piccolina.
La mia bisnonna, infatti amava chiamarmi in dialetto siculo “Occhi i cirasa” (occhi di ciliegia) perché avevo degli occhi molto grandi e scuri.

In qualche modo, l’ho sentito mio!

Tornando al tizio… (con cui sinceramente c’è stato un semplice caffè, niente di più) Succede che mi manda un messaggio sostenendo che io faccio tanto ma poi in sostanza nulla. Era un periodo molto particolare della mia vita, e l’ultima cosa che volevo era sentirmi dire da un tizio appena conosciuto frasi di questo tipo.. eppure in me ha scaturito qualcosa!

Ma ancora non ero arrivata proprio a questo qualcosa!

Succede che incontro un mio “caro amico di vecchia data” e tra una chiacchiera ed un’altra mi dice “Vane, io non capisco perché tu sai quello che vuoi fare ma non lo fai“.

BOOM ! Ecco me sull’orlo di un promontorio messa alle strette: Salti o rimani immobile??

Sono una gemelli, amo le cose un po’ rischiose e a quel punto spinta da orgoglio, rabbia, entusiasmo e determinazione (ed anche di “CHE CAZ*O VUOLE LA GENTE DA ME lo ammetto) inizio a fare ciò che amo di più al mondo: scrivere.

Con questo ragazzo non c’è stato nulla di un semplice caffè, non c’è stata la famosa “scintilla” neanche l’ho rivisto più, però ha contribuito al mio progetto. Per cui grazie (non si sa mai leggesse).

Questo per dire che, proprio in questo momento particolare in cui ci ritroviamo volenti o dolenti a fare i conti con la nostra realtà più intima, tutto va sempre come deve andare.

Il destino decide per noi, a volte pensiamo di governarlo, di legarlo, di intrattenerlo ma alla fine dei giochi è lui a decidere come e quando entrare nella tua vita. A noi ci è dato il compito solo di captare i segnali che esso invia, perché fidatevi il destino sa come farsi riconoscere.

Lascia andare il passato e affidati in ciò che sarà … magari la prossima volta ha in serbo qualcosa di più che un semplice blog!!

Nel prossimo post spiego “Come scegliere il nome di un blog“, seguimi 🙂

Impara l’arte del fallimento

Il vero successo è imparare l’arte del fallimento, capire che, quello che hai affrontato, in ogni caso “è successo” nella tua vita e tu sei riuscito al di là delle aspettative ad affrontarlo.

Tra le cose che ti dicono quando cresci è che più o meno la tua vita si svolgerà così: troverai un buon lavoro, un buon marito/una brava moglie, farai carriera (forse) e costruirai una famiglia (forse), in altre parole… avrai successo.

Non importa quanto sia alto il tuo quoziente intellettivo, dove vivi, chi sposerai… tu avrai successo! Il successo è tutto. Il primo della classe, la ragazza perfetta, il lavoro dei tuoi sogni, una vita perfetta, avrai tutto se solo riuscirai ad avere successo.

Basta digitare la parola “successo” su internet e troverai articoli come:”Guida per il successo“, “I segreti per il successo“, “Come avere successo nella vita“, “Dieci regole per avere successo” ( eh già… in fondo è facile, dai che ci vuole a seguire 10 semplici regole) e ti troverai all’apice del successo.

Ciò che nessuno ti dirà mai è che ci saranno scivoloni, cadrai, ti smarrirai, odierai a volte il lavoro che farai, ti innamorerai di quella sbagliata ma che a te sembra perfetta, arriverai ultimo a quel concorso, dirai fine ad un matrimonio, chiuderai la tua azienda… in altre parole: fallirai.

Nessuna guida per il fallimento, ed ecco che ti ritrovi lì con in mano tutti i cocci dei tuoi fallimenti. Siamo nell’epoca dei grandi successi e tu, o tieni il passo o ti ritrovi ad un passo dal baratro. Il fallimento è qualcosa che non possiamo permetterci, ma chi più e chi meno, ha almeno fallito in qualcosa nella propria vita. Perché che piaccia o no, il fallimento è umano.

In realtà, il successo ed il fallimento hanno un denominatore comune: il far succedere una cosa. È lì, la sottile differenza in cui anche un fallimento potrà diventare un successo.

Che tu ti sia iscritto all’università ma poi hai capito che non eri “portato” per quel percorso di studi, che ti sia sposato con la persona che credevi fosse quella “giusta“quando in realtà non lo era, che tu abbia cambiato lavoro, affrontato mille avversità oppure semplicemente che tu ti sia esercitato, allenato, per quella prova tanto attesa, che poi hai fallito, tutto ciò poco importa, quello che importa, è che tu l’abbia fatto.

Il vero successo è imparare l’arte del fallimento, capire che, quello che hai affrontato, in ogni caso “è successo” nella tua vita e tu sei riuscito al di là delle aspettative ad affrontarlo.

Quindi qualora tu abbia fallito in qualcosa, qualora ti trovassi con i tuoi cocci rotti, sappi che hai due soluzioni: guardare i cocci rotti e rimanere immobile o prendere i cocci rimasti ed andare avanti. I cocci ci sono e tu non puoi far nulla, ciò che farà la differenza è il tuo atteggiamento.

Ti dirò di più, esiste una terza opzione (la mia preferita): lasciare i cocci a terra e andare avanti.

Bisogna “sporcarsi le mani”, impastare, rimpastare, inventare, apprendere e fare meglio. Giocare con i colori della tavolozza, con i neri e con i bianchi , accostare il blu cobalto al giallo e il verde all’arancio. Giocare con le parole, con i suoni, con i dati e i diagrammi, con le viti e i tasselli, con i fili e gli uncinetti. Giocare con la vita e per la vita.

La verità è che abbiamo bisogno di più fallimenti per dare la giusta prospettiva al vero successo. Perché la cosa più brutta che possa capitare nella vita è non aver mai fallito in qualcosa, perché significa che non ti sei mai mosso di un passo dal punto di partenza.

Ho provato , ho fallito. Non importa, riproverò. Fallirò meglio meglio.

Samuel Beckett