Innamorati di te

Con Gaia my friend

Stare bene con se stessi è la cosa più difficile per ogni donna, anzi per ogni essere umano sulla Terra. Ci guardiamo allo specchio e vediamo mille difetti: troppo bassa, troppo grassa, troppo magra, troppo alta, troppo sproporzionata… e la lista potrebbe essere molto lunga, perché se c’è una cosa che noi tutti sappiamo fare bene è quella di trovare dei difetti.


Ma i difetti sono davvero tali? Oppure semplicemente non sappiamo valorizzarci abbastanza? Il nostro armadio ci rappresenta davvero?


A volte prima di fare il cambio di stagione, dovremmo lasciare andare tutte quelle insicurezze come “buttiamo o ricicliamo” i nostri capi. Inizialmente ci sarà sempre quel capo a cui siamo affezionati, che non vogliamo assolutamente disfarcene, magari è usato e datato, eppure ci troviamo bene, semplicemente perché rappresenta la nostra “comfort zone”, poi man mano ci innamoriamo del nuovo acquisto e il nostro “amato e datato” capo diventa come tutti gli altri. E così facciamo anche con i difetti, gli diamo così tanta importanza da indossare qualcosa senza osare. Parola d’ordine “lasciare andare” e ricostruire, inizia da te insieme a Giaiamyfriend:

Ascoltati. Le emozioni sono importanti, sono il primo capo che indossiamo. È per questo che ti sarà utile la funzione di Gaia. Rintraccia le emozioni, ti aiuta a capire a te stessa.

Gioca, con i colori, con le stoffe, con gli stili. Indossa, combina e riadatta tutto ciò che c’è nel tuo armadio. In questo Gaia è perfetta.

Allenati, pratica sport… lo puoi fare anche a casa, esistono tanti workout come questo di fix fit. Fare sport aiuta non solo a ridefinire il tuo corpo ma a stare bene con te stessa.

undefined

Segui la moda, ma crea un tuo stile. Chiedi a Gaia consigli su cosa indossare. Vedrai, hai uno stile anche tu.

undefined

Valorizzati, non nascondere le tue forme, giocaci. Quello che tu reputi difetti, a volte hanno bisogno solo di essere valorizzati. Se proprio vuoi nasconderli, punta sui tuoi pregi. Indossa capi che mettono in risalto ciò che ti piace più di te. Se stai bene con te stessa, stai bene ovunque.

Tutte noi abbiamo cose che non ci piacciono e che vorremmo cambiare, ma non sei sola, con Gaia hai un’amica a cui chiedere consiglio e da cui trarre ispirazioni. Tieniti aggiornata seguendo anche il suo blog e per qualsiasi cosa, ricorda c’è GAIA!!

Quarantena a modo mio!

Questa quarantena è stata come la pioggia improvvisa in una giornata d’agosto.

Tu sei lì con le tue infradito e il telo da mare pronta per il mare ed ad un tratto piove.

Ed in quel momento c’è chi cerca riparo, chi rinuncia alla sua giornata a mare e chi invece cambia piani e si adatta.

Per indole io sono sempre stata propensa a far così, a trovare il lato positivo o qualcosa che più o meno si avvicina ad essa e cambiare i miei piani.

Ma oggi no, oggi non riesco. Oggi mi manca andare a mare anche solo per un po’, mi manca la birra con gli amici e le canzoni in macchina.

Oggi mi manca fare la fila per sedermi ad un tavolo, entrare in un negozio e dire “Grazie, stavo solo guardando“, mi manca il famoso caffè dentro un bar, mi manca la passeggiata in solitaria a fotografare la mia città. E mi manca passare per la fiera e sentire tutto quel vociferare. Mi manca “sbuffare” nell’attesa che il semaforo diventi verde. Mi manca provare rossetti e guardare le vetrine dei negozi pensando che certi vestiti non avrò mai l’occasione di indossarli.

Ma quello che mi manca di più sono le “riunioni ” attorno ad un tavolo, e non importa se sia quello di un locale, o a casa di amici, o di casa mia. Mi mancano gli affetti, e non perché le persone che mi vogliono bene non mi siano vicino… anzi! Ma semplicemente perché nulla può sostituire quell’atmosfera che si crea quando “vorresti” far capire a qualcuno qualcosa ma finisci per riderci su (nelle migliori delle ipotesi!).

Mi mancano gli abbracci, nonostante io sia una di quelle persone che non abbraccia piuttosto fa una battuta (è un abbraccio platonico il mio).

Mi manca perfino il mio lavoro da commessa, in cui da apprendista cercavo di far dei bei pacchetti con tanto di nastrino colorato e consigliavo regali come se a riceverli fossi poi io!! Mi manca tutto questo.

Ma nonostante ciò (ecco l’indole 🙂 ) sono contenta perché nonostante le mie mille mancanze, non ho mandato messaggi a random, a gente solo per sentirmi meno sola. Ho sentito, risentito solo chi, in modi diversi… diversissimi fa parte della mia vita.

Offline ed Online per me non fa differenza.

In questo periodo non mi sono sforzata a trovare il lato positivo, semplicemente mi sono promessa mai contro te stessa, fai quello che senti.

Ho colorato, ho scritto, ho fatto giardinaggio, ho letto, ho preparato dolci, ho guardato serie tv, ho studiato… ma NON ho fatto tanto altro. Perché nonostante quello che si pensi questo non è un periodo regalato, semplicemente è un momento che tutti, nessuno escluso, sta vivendo : A modo suo!

E così, nel giorno in cui si festeggia la libertà a me di libertà manca la mia.


Poi però mi ricordo che è solo un momento…e come tale passerà!!

Come scegliere il nome di un blog

Scegliere il nome di un blog non è mai facile, ne ho parlato qui.

Non solo perché è molto personale, ti identifica ma anche perché deve rispettare determinati requisiti. Prima di vedere quali sono, è bene capire cos’è un nome e cosa sia invece un dominio. Il nome è appunto come si chiama il tuo blog o il tuo sito, mentre il dominio è più o meno la stessa cosa ma seguito da estensioni (.it, .com, .org, etc). Capita che le due cose non coincidono, ma non ha molto senso, soprattutto per quanto riguarda i motori di ricerca.

Se apriamo un blog è perché quest’ultimo deve essere letto e cercato sul web da chi ha interesse degli argomenti che tratterai ed è per questo che il nome di un blog deve essere:

  1. Facile, sia da ricordare che scrivere e pronunciare. Niente nomi difficili o composti in maniera particolare.

  2. Pertinente, con ciò di cui si parla. Se tratterete solo di viaggi non ha senso inserire parole che possono generare confusione nel lettore. (es. parole come beauty, pet etc)

  3. Non generale, pensiate al web come ad un mare pieno di pesci, se tutti i pesci fossero tutti dello stesso colore, sarà più difficile sceglierne uno piuttosto che un altro, mentre se in questo mare mettiamo un pesce giallo-azzurro, sarà più facile identificarlo. Per cui niente parole generiche es “dieta”, se tratterete di questo, ma trovate qualcosa di più specifico.

  4. Lungimirante, pensate al vostro blog come ad un’azienda nel tempo. Se tratterete di unico campo allora potrete utilizzare un determinato nome ( es. travel se tratterete solo di viaggi) ma se invece pensate di trattare più argomenti è bene un nome meno specifico.

  5. Pertinente, questo significa anche no a nomi legati all’età o che in qualche modo si potrebbero distanziare nel tempo con la tua immagine. Ad esempio parole come young (giovane), single, capelli rosa, Italy etc…

  6. Unico, il dominio andrà registrato ed acquistato. Capita di avere un nome in mente, ma trovarlo già “occupato“. No al riciclo, non ha senso prendere un nome già esistente, anche se modifichi qualcosa, rischi di generare confusione.

  7. Attenzione agli equivoci, nomi che potrebbero non solo generare confusione ma associarti a qualcosa di diverso da quello di cui tratti ( es :sexy, hard,bio, etc).

  8. No a trattini, puntini, e simili … rendono il tutto difficile da cercare e ricordare.

  9. Keywords e Seo, pensa a parole chiavi e all’ottimizzazione, i motori di ricerca sono abili nel mostrarti al pubblico, ma tu puoi semplificargli il lavoro rendendo tutto più facile. Usare una parola chiave ti aiuta ad essere più identificativo.

  10. Target, pensa ai tuoi lettori, alla tua nicchia di clienti o potenziali tali. No a nomi in inglese se il tuo target non è molto giovane, o nomi settoriali ed enigmatici. I nomi settoriali, solo se il tuo target è specifico (es. un blog che tratta di giurisprudenza può usare un nome specifico solo se so che i miei lettori sono avvocati, se invece so che mi rivolgerò a gente “comune” dovrò utilizzare qualcosa di meno specifico anche se settoriale.

Queste sono solo linee guida, non esistono leggi universali ma la semplicità è una caratterista vitale per ogni blog, sia per il contenuto che per il nome.

Unicità, non esiste un blog che tratta un argomento in esclusiva, ne esistono tanti e in qualsiasi campo. Oggi più che mai. Ma quello che ti differenzia è il tuo modo di essere, il tuo tratto distintivo…
fanne buon uso!

Vi racconto perché proprio Biggeye

Quando pensi di aprire un blog si sa, si hanno mille interrogativi:
Di cosa parlerò? che stile avrò? chi mi leggerà? ma sopratutto la cosa più importante, come mi chiamerò? eh già, perché anche se un blog è un progetto non sei tu… in qualche modo ti identifica. Sei tu nel bene e nel male. Io devo dire avevo in mente tutto, tranne appunto quest’ultimo punto.

Poi succede qualcosa ed eccomi qui: Vi racconto perché proprio Biggeye.

Indubbiamente ha a che fare con il mio cognome, è un gioco di parole: occhione…occhio grande…occhio.. Biggeye! Ma non è per questo. Succede che casualmente “incontro” un ragazzo, diciamo che più che incontro succede che iniziamo a sentirci tramite social, fin qui niente di strano direte (concordo) ma non sopporto le persone che in qualche modo “stuzzicano“, di quelle che ti dicono le cose come stanno… dico che non le sopporto ma in realtà credo che per riflesso mi identifico parecchio per cui finisco per esserne attratta inevitabilmente..!!

Di fatto questo ragazzo inizia a chiamarmi Biggy. Chi mi conosce sa, che odio essere chiamata con paroline tipo gioia, tesoro, piccola, ecc…!! Ma Biggy non so perché mi piaceva. Credo, anzi credo di esserne sicura, che mi diede questo nomignolo per via del cognome (non so, non ho mai chiesto a dire il vero… ma è la cosa più logica).

Inoltre questo nomignolo mi ha ricordato di quando ero più piccolina.
La mia bisnonna, infatti amava chiamarmi in dialetto siculo “Occhi i cirasa” (occhi di ciliegia) perché avevo degli occhi molto grandi e scuri.

In qualche modo, l’ho sentito mio!

Tornando al tizio… (con cui sinceramente c’è stato un semplice caffè, niente di più) Succede che mi manda un messaggio sostenendo che io faccio tanto ma poi in sostanza nulla. Era un periodo molto particolare della mia vita, e l’ultima cosa che volevo era sentirmi dire da un tizio appena conosciuto frasi di questo tipo.. eppure in me ha scaturito qualcosa!

Ma ancora non ero arrivata proprio a questo qualcosa!

Succede che incontro un mio “caro amico di vecchia data” e tra una chiacchiera ed un’altra mi dice “Vane, io non capisco perché tu sai quello che vuoi fare ma non lo fai“.

BOOM ! Ecco me sull’orlo di un promontorio messa alle strette: Salti o rimani immobile??

Sono una gemelli, amo le cose un po’ rischiose e a quel punto spinta da orgoglio, rabbia, entusiasmo e determinazione (ed anche di “CHE CAZ*O VUOLE LA GENTE DA ME lo ammetto) inizio a fare ciò che amo di più al mondo: scrivere.

Con questo ragazzo non c’è stato nulla di un semplice caffè, non c’è stata la famosa “scintilla” neanche l’ho rivisto più, però ha contribuito al mio progetto. Per cui grazie (non si sa mai leggesse).

Questo per dire che, proprio in questo momento particolare in cui ci ritroviamo volenti o dolenti a fare i conti con la nostra realtà più intima, tutto va sempre come deve andare.

Il destino decide per noi, a volte pensiamo di governarlo, di legarlo, di intrattenerlo ma alla fine dei giochi è lui a decidere come e quando entrare nella tua vita. A noi ci è dato il compito solo di captare i segnali che esso invia, perché fidatevi il destino sa come farsi riconoscere.

Lascia andare il passato e affidati in ciò che sarà … magari la prossima volta ha in serbo qualcosa di più che un semplice blog!!

Nel prossimo post spiego “Come scegliere il nome di un blog“, seguimi 🙂